29
Apr

La punzonatrice: un macchinario unico per tante lavorazioni diverse

È una lavorazione particolarmente versatile, con tantissime applicazioni diverse e che impatta sia sulla funzionalità che sull’estetica di un manufatto: stiamo parlando della punzonatura, una delle tecniche più utilizzate per la realizzazione di elementi metallici e che si utilizza sia per la carpenteria di precisione che per la creazione di complementi d’arredo.

La punzonatura si definisce come l’impressione di una forma su una superficie metallica. Questo avviene grazie alla pressione esercitata da uno strumento chiamato punzone, che taglia la lamiera con estrema precisione. Il punzone utilizzato determina la forma del foro che vogliamo ottenere.

Grazie alle punzonatrici, quindi, è possibile realizzare manufatti diversi, che hanno tutti in comune la precisione e la rapidità di esecuzione. Ecco le principali lavorazioni che si possono richiedere.

La roditura
È un tipo di punzonatura in cui il punzone esegue un movimento continuo dall’alto in basso, tranciando quindi la lamiera in punti precisi con una sequenza di colpi e non in un’unica soluzione. Questa tecnica conferisce al manufatto dei contorni particolari, che sarebbe difficile ottenere con un taglio netto.

L’incisione
In questo caso il metallo non viene tagliato, ma solamente “segnato”: l’incisione, infatti, non prevede che il punzone attraversi la lamiera, bensì che tracci su di essa dei segni precisi.

La creazione di griglie
Oltre ai fori piatti, con la punzonatrice si possono realizzare anche fori deformati come le feritoie a gelosia. Con un colpo di punzone viene eseguito un taglio sulla lamiera e contemporaneamente una piegatura che formerà un’aletta inclinata.

Questo tipo di lavorazione viene spesso usata per l’esecuzione di griglie di ventilazione

La filettatura
Tramite un apposito utensile, grazie alla punzonatrice si possono creare sulle lamiere anche delle filettature, cioè i solchi elicoidali tipici delle viti.

L’imbutitura
È una lavorazione che conferisce alla lamiera una forma concava più o meno complessa mantenendo pressoché lo spessore inalterato. Permette di realizzare oggetti senza fare giunture ed è utilizzata soprattutto nei settori industriali che hanno bisogno di componenti ad alta precisione.

 

 Quali metalli sono adatti alla punzonatura?

Le punzonatrici possono lavorare metalli diversi, come acciaio inox, alluminio, ferro, rame e ottone ovviamente adattandosi alle caratteristiche di ciascuno di essi. Un vantaggio è che la lavorazione avviene a freddo, quindi i metalli non vengono alterati e le lamiere da lavorare possono essere di spessore diverso.

 

Lavorazioni in serie o pezzi unici

Vista l’alta precisione delle punzonatrici si possono realizzare sia lavorazioni in serie garantendo la replicazione perfetta del risultato che vogliamo ottenere, sia pezzi unici.

Noi di Officine Barnobi abbiamo creato il servizio ProjectLAM per esaudire le esigenze di tutte le aziende che hanno bisogno di lavorazioni speciali, anche su tirature minime o pezzi unici. La nostra azienda ha oltre cinquant’anni di esperienza: per questo siamo in grado di affiancarti nella progettazione, scegliendo per te la soluzione migliore per realizzare una lavorazione a regola d’arte.

Chiamaci e scopri cosa possiamo fare per te!

Contattaci per scoprire di più

 

Michela Barnobi – Socio amministratore Officine Barnobi